Fabio Boni

Fabio Boni

I.S.A. Chierici


Un lavoro sul ritratto
Fabio Boni è oggi uno dei più importanti ritrattisti italiani. Da quasi vent’anni impegnato nell’indagare il volto umano in chiave sociale-psicologica, ha esordito nel 1993 con “Volti”, un lavoro dedicato ai bambini e agli anziani, i poli estremi della vita e del modo di essere del nostro volto nel tempo: fotografie che oggi assumono un significato simbolico poiché Boni ha successivamente indagato un grande ventaglio di tipi sociali e di età, dagli anziani e le persone di mezza età, sulle quali è tornato ripetutamente, ai profughi, dalle famiglie alle comunità in festa, dai lavoratori di vari ambiti professionali alle più diverse persone nel loro modo di abitare la casa, senza porre differenza tra chi è autoctono e chi è immigrato, dalla gente del circo fino agli adolescenti. Il modo in cui Fabio Boni affronta il ritratto è straordinariamente schietto, trasparente: il soggetto è proprio lì, a disposizione del nostro sguardo, e mostra il suo volto e la sua identità senza maschera, come certamente senza maschera è il fotografo.

  • 16:30 pm - 19:30pm